Mimesi62 Architetti Associati

Antonella Maggini

Decumanus Caffè   


Allestimento | Interni


Se è vero che nella società contemporanea la città rappresenta il centro di attrazione per eccellenza - l’invenzione più importante nella storia dell’uomo - e se è vero che il concetto stesso di civitas esprime al meglio l’utilizzo condiviso dello spazio urbano, è altrettanto vero che questa condivisione si esprime al meglio in tutti quei luoghi che, pubblici o privati, auspicano tale socialità e la sostengono creando le ideali scenografie all’interno delle quali gli uomini vivono le proprie esperienze. Il “Decumanus caffè” nasce dal presupposto culturale di trarre ispirazione dall’origine più antica della nostra città, quella Firenze romana ancora oggi evidente nei segni generatori della sua più intima struttura urbana.Partendo da questa premessa il progetto ne interiorizza i contenuti grafici e li sovrappone simbolicamente ad una “città universale” ricca di trame infinite, dure, moderne, drammaticamente tese alla ricerca dell’origine stessa della metropoli contemporanea e concettualmente collegate alle griglie ortogonali delle città ellenistiche, autentiche generatrici della città occidentale. Tali fondamenti hanno portato il progetto ad incoraggiare la ricerca di una spazialità interna volta a privilegiare, con i lunghi tavoli comuni e nell’intimità del giardino chiuso, le funzioni aggregative tipiche delle tabernae. Di forte impatto è l’utilizzo delle grandi lastre in pietra serena che, da banchi di fresa nelle cave di Firenzuola, assurgono ad elemento scenografico.

Committenza

Gianni Iaquone

Indirizzo

via dei Servi 9r, Firenze

Progetto dal

2013

al

2014

Realizzazione dal

2014

al

2014

Camere con vista   


Allestimento | Interni


Lo spunto progettuale fonda il suo presupposto tematico e concettuale nella creazione ironica e metaforica di una volontà: il paesaggio, esito professionale dell’attività dell’azienda, diventa esso stesso immagine da ammirare e contemplare da un punto di vista privilegiato che ne esalti la percezione. Le immagini del paesaggio e le pedane espositive diventano il percorso illustrativo del portfolio aziendale. L’elemento di arredo si scopre elemento comunicativo, funzionale, percettivo e dalle finestre sul verde –“camere con vista”– vedo e faccio vedere le immagini selezionate dei paesaggio. Attraverso le ampie vetrate degli ambienti di lavoro e di riunione si percepisce un esterno da contemplare per mezzo di immagini ingigantite le cui dimensioni corrispondono esattamente alle pareti vetrate delle “camere” stesse. Condizionati dalla “piacevole ossessione” del controllo millimetrico dello spazio, dell’assemblaggio dei materiali e dei loro accostamenti, vengono di conseguenza esplorati anche gli angoli più lontani dall’ordinaria visione d’insieme. La continua ricerca di chiarezza del processo compositivo e costruttivo, unita alla volontà di progettare anche gli elementi più nascosti, concretizzano il desiderio di qualità generale e di benessere degli ambienti di lavoro. La materia –con le sue caratteristiche intrinseche e il suo protagonismo– è in grado di innescare profonde emozioni.

Committenza

Atelier Dimensione Verde

Indirizzo

via di Compiobbi 2B, Vallina, Bagno a Ripoli, Firenze

Progetto dal

2015

al

2015

Realizzazione dal

2016

al

2016

NEST   


Allestimento | Interni


NEST, acronimo di New Enginery Solution Technology. NEST, in inglese NIDO. Il progetto, per questa Società che opera nel settore chimico-farmaceutico, prende spunto dall'idea di creare con linee semplici e moderne un ambiente di lavoro confortevole, luminoso, ben organizzato e decisamente proiettato verso il futuro, NEXT appunto! Gli spazi sono stati predisposti per creare una immediata, chiara lettura del percorso distributivo. All'ingresso, disimpegnata, la stanza delle riunioni con accanto una piccola sala di attesa e l'ufficio dell'amministrazione caratterizzato da una grande parete vetrata che si affaccia sul largo corridoio centrale. Con l'ausilio di una pensilina bianca, lungo l'asse di distribuzione, inscatolato il NIDO, uno spazio avvolgente al di sotto del quale sono riuniti gli uffici dei quattro soci fondatori allitterati sia nella forma sia nella funzione. Ogni ambiente, di colore grigio scuro, si distingue per la presenza di una grande lettera in acciaio satinato e i quattro uffici, in prospettiva, compongono la parola NEST. In fondo al corridoio, superata l'area break, l'ampio open space con le postazioni dei giovani collaboratori trova la centralità operativa con "l'isola grigia", composta da due piccoli nidi al cui interno è possibile svolgere attività lavorative più privatizzate e direzionali. NEST = NIDO = NEXT...LAVORO = COMFORT = FUTURO

Committenza

NEST Consulting & Technical services

Indirizzo

via Ernesto Codignola 20, Scandicci, Firenze

Progetto dal

2021

al

2021

Realizzazione dal

2021

al

2021

Progettisti

Studi e liberi professionisti partecipanti al Premio.

Cooperativa Civile stp soc. coop.

Alba Lamacchia

Cooperativa Civile stp soc. co…
Alessandro Bernardini Architetto

Alessandro Bernardini

Alessandro Bernardini Architet…
Antonella Cacciato

Antonella Cacciato

Antonella Cacciato
AMDB Architetti

Alessandro Marcattilj

AMDB Architetti
AGA architettura e gestione ambientale

Barbara Lami

AGA architettura e gestione am…
Studio b-arch

Alessandro Capellaro

Studio b-arch
MABS Studio

Antonio Marcon

MABS Studio
Area Progetti, UNA2 architetti associati, Neutrostudio, Laura Ceccarelli

Andrea Michelini

Area Progetti, UNA2 architetti…
Premio Architettura Toscana

2018 - 2022 © Tutti i diritti riservati. Fondazione Architetti Firenze, Via Valfonda 1/a, 50123 Firenze

Cod.Fisc./P Iva 06309990486 | Privacy Policy | Cookie Policy

Design by D'Apostrophe | Developed by Shambix